Design

William Mc Donough, l'eroe del pianeta

William Mc Donough, l'eroe del pianeta

“Che ne direste se gli edifici fossero vivi? Se le nostre case, i luoghi di lavoro, fossero come gli alberi, organismi viventi che partecipano in modo produttivo al loro ambiente? Immaginate un edificio, immerso nel paesaggio, che raccoglie l’energia del sole, che isola il carbonio e produce ossigeno. Immaginate le paludi e i giardini botanici presenti nel sito che recuperano i nutrienti facendo circolare l’acqua. Aria pura, piante che fioriscono e luce naturale ovunque. Bellezza e benessere per ogni abitante. Un tetto ricoperto di terra e vegetazione che assorbe l’acqua piovana. Uccelli che nidificano e crescono nella superficie verde dell’edificio. Insomma, un sistema che sostiene la vita in armonia con i flussi di energia, con lo spirito umano e le altre cose viventi. Tutt’altro che una macchina. Questa non è fantascienza. Edifici come alberi, anche se pochi, già esistono. Perciò, quando indaghiamo sul futuro (le prospettive che riguardano gli edifici e le città, le terre abitate e non) vediamo emergere una nuova sensibilità, in cui abitare un luogo diventa partecipare in modo consapevole al paesaggio. Questa prospettiva è rigorosa e poetica. È costruita sui principi della progettazione ispirati alle leggi della natura. Si attua immergendosi nella vita di un luogo per scoprire i materiali e le forme più adatti e più belli. Speriamo che questa sarà la strategia del progetto del futuro”.

Sono le parole “sante” dell’Eroe del Pianeta William Mc Donough, il guru mondiale dello sviluppo sostenibile che nel 1991 ha ricevuto l’incarico di redarre The Hannover Principles: Design for Sustainability, le linee guida per la città di Hannover in occasione dell’EXPO 2000.

Oggi si prepara a un’altra grande sfida: Mc Donough fa parte del gruppo che sta lavorando al Masterplan dell’Expo 2015 milanese.

Nel 1996 l’architetto (nato a Tokyo, cresciuto a Hong Kong e poi trasferitosi a Yale per studiare all’Università di Architettura) ha ricevuto il Premio Presidenziale Americano per lo sviluppo sostenibile, il più alto riconoscimento americano in campo ambientale e  ha guadagnato nel 2003 l’EPA Presidential Green Chemistry Challenge Award.

È stato un leader del movimento per lo sviluppo sostenibile fin dal suo nascere. Nel 1977, quando era ancora studente a Yale, progettò e costruì la prima casa solare in Irlanda. Nel 1985, negli Stati Uniti, progettò e costruì il primo “ufficio verde”. Più recentemente, McDonough con Michael Braungart ha pubblicato il best-seller Cradle to Cradle: Remaking the Way We Make Things, 2002 editore North Point Press. Tra i suoi progetti di rilievo: Port of Cape Charles Sustainable Technologies Industrial Park in Cape Charles – Virginia, American University School of International Service in Washigton D.C., nonché il progetto Isola per Hines Italia – Milano.

Selezione bibliografica

W.Mc Donough e M.Braungart, Cradle to Cradle: Remaking the Way We Make Things, North Point Press, 2002
W.Mc Donough e M.Braungart, Buildings like trees, cities like forest, Pearson Educational Press, 2002

Links consigliati

Sito ufficiale: http://www.mcdonough.com/
Talks: William McDonough: The wisdom of designing Cradle to Cradle, 2005, video
Cradle To Cradle; Going Green; Transcript of the Monticello Dialogues, 2002

Leggi l’intervista