Design

Un tuffo nel mondo BALADIN con TEO MUSSO

Un tuffo nel mondo BALADIN con TEO MUSSO

Quella di ospitare prestigiosi eventi a carattere gastronomico, con importanti firme di questo gustoso e affascinante universo, sta diventando una piacevole consuetudine del nostro showroom: venerdì 9 novembre lo spazio espositivo di FORMAT Progetti Abitativi ha infatti avuto l’onore di ospitare una bellissima serata organizzata da Red&White Winebar con la presenza di un mastro birraio conosciuto in tutto il mondo e la degustazione di alcune delle sue migliori creazioni.

Di fronte a un pubblico numeroso e interessato, il grande Teo Musso ha raccontato dal principio la sua avventura e la storia di BALADIN: dalle prime esperienze nel semplice pub aperto a Piozzo (CN) in cui venivano servite le più disparate qualità di birra alla trasformazione in microbirrificio avvenuta nel 1996, le birre prodotte da BALADIN sono divenute nel corso degli anni il sinonimo di birra artigianale italiana nel mondo, fino a fregiarsi del titolo di vero e proprio “birrificio agricolo”, dimostrando in tal modo il legame con la propria terra, con i prodotti naturali e un certo stile produttivo che affonda le sue radici nei valori della tradizione. La prima parte del suo racconto è stata accompagnata dalla degustazione – curata con il consueto stile accogliente e altamente professionale di Gianfranco Nasto, sommelier professionista di Red&White Winebar – di tre pezzi forti della produzione BALADIN: la beverina e ormai storica Isaac, biére blanche prodotta con frumento crudo e speziata con coriandolo e scorza d’arancia, seguita dall’italianissima Nazionale, la prima birra ottenuta da materie prime solamente italiane con luppoli coltivati a Cussanio (a pochi chilometri dal birrificio di Piozzo), e dalla grintosa Open Rolling Stone, una birra dove la freschezza e il sapiente uso di diversi tipi di pepe si sposano con i profumi e l’amaricato dei luppoli in un crescendo davvero “musicale”, evocando l’universo rock ‘n roll a cui è dedicata.

 

Se le prime tre birre sono state affiancate da un piatto con salumi e pretzel imburrato nel classico stile da pub bavarese, per la quarta degustazione c’è stata una gustosa sorpresa: la bruna Leon, una scura da 9 gradi di grande intensità nata come birra di Natale, è stata accompagnata dalle squisite ostriche naturali di Bretagna, presenti grazie alla disponibilità di Mauro Pallottino, titolare della Royal Mare, azienda leader nel nostro territorio per quello che riguarda la distribuzione di prodotto ittico vivo. Si è rivelata una vera e propria chicca anche l’ultima degustazione in programma: il cioccolato siciliano prodotto dai maestri artigianali della ditta Sabadì di Modica è stato sposato alla fenomenale Xyauyù Barrel, una birra ad alta fermentazione nata dall’estro di Teo Musso e che ha subito un processo di macro ossidazione e una lenta maturazione in botti di rovere all’interno della “Cantina Baladin”. Una birra da degustazione – o “da divano”, se usiamo la terminologia stessa del suo inventore – capace di stupire positivamente tutto il pubblico e, in particolare, il giornalista e critico gastronomico Gigi Padovani, un nostro grande e prestigioso amico presente tra gli ospiti della serata, intervenuto per decantarne la qualità e le caratteristiche originali.

 

Come avrete capito, i fortunati presenti hanno potuto passare una piacevole serata in compagnia, degustando ottimi prodotti gastronomici con birre di altissimo livello: non possiamo concludere senza rivolgere un nostro grande ringraziamento a tutti i protagonisti della serata, a partire dal più che disponibile Teo Musso, che con grande passione e simpatia ci ha raccontato la sua avventura, permettendo a tutti noi un tuffo nell’affascinante mondo di BALADIN. Tra i molteplici brindisi finali, chiaramente non potevano mancare quelli fatti a base di Xyauyù Barrel con i protagonisti dell’evento comodamente seduti sui divani FLEXFORM, allestiti all’interno del nostro showroom nell’area dedicata all’azienda italiana leader mondiale nel settore degli imbottiti di qualità. I più importanti ed iconici divani contemporanei accompagnati dalla “birra da divano” per eccellenza: cosa si poteva volere di più dal finale di una serata simile?

P.S. Sulla nostra pagina ufficiale Facebook è presente l’album fotografico completo della serata: lo ritrovate cliccando qui.