Progetti

ALAIN GILLES Designer of the Year 2012

ALAIN GILLES Designer of the Year 2012

I membri della giuria dell’iniziativa annuale promossa dalla rivista belga Interiour non hanno avuto dubbi: Alain Gilles – originario di Bruxelles e firma di diversi marchi di grande valenza internazionale come Bonaldo, Casamania, Buzzispace – è stato proclamato Designer dell’Anno 2012. I suoi disegni e le sue creazioni sono in grado di esprimere “responsabilità industriale con un tocco di poesia”, si può leggere nelle motivazioni che hanno portato al prestigioso premio.

Il design ha rappresentato una sorta di seconda vita per Alain Gilles: nato nel 1970, dopo gli studi in Scienze Politiche e Marketing e aver iniziato a lavorare nel settore finanziario, Alain decide di seguire le sue passioni e ritornare a studiare Design Industriale. Nel frattempo diventa assistente di Xavier Lust, uno dei più talentuosi e dotati designer belga dell’ultima generazione, e in seguito entra a far parte del team di Quinze & Milan. Nel 2007, infine, apre il suo studio, riuscendo a sviluppare un approccio fortemente personale alla creazione di prodotti e arredi e iniziando, come detto, una serie di prestigiose collaborazioni con brand molto importanti.

Tra questi marchi vi è BONALDO, uno dei principali protagonisti del mondo dell’arredo made in Italy cheFORMAT Progetti Abitativi ha il piacere di proporre con fedeltà e passione ai suoi clienti: tra le creazioni di Alain Gilles spicca lo splendido Big Table: fisso o allungabile, è un tavolo disponibile in diverse dimensioni e caratterizzato da molte varianti di finitura e da un design estremamente originale. Le gambe sono in acciaio verniciato tagliato a laser e il piano è disponibile in cristallo, impiallacciato legno o legno massello.Big Table si è aggiudicato il Good Design Award nel 2009.

Con un nome che richiama il processo di saldatura effettuato in fase di realizzazione, Welded Table è il secondo tavolo firmato da Alain Gilles per BONALDO: contraddistinto dalle linee accattivanti e dai toni fluo, anche per esso è davvero ampia la gamma dei colori proposti. Il piano di forma rettangolare è disponibile in legno, in cristallo o in marmo. Le parti che compongono le gambe sono ricavate da una lamiera tagliata laser e poi saldate tra di loro.

La varietà dei colori è protagonista anche per i tavolini Collage Tables, ispirati da una collezione di specchi senza cornici, di differenti dimensioni ed epoche, riassemblati come un’opera di collage per generare nuove entità con nuove funzioni, grazie anche all’uso di materiali e colori diversi. I tavolini, tranne uno, sono uniti: il centro è il piano circolare, che serve come perno; gli altri tre gravitano intorno al primo e si posizionano liberamente. Un tavolino extra, svincolato, può essere posizionato per ridisegnare la composizione.

Tra i suoi progetti più recenti, vi segnaliamo la lampada multiusoNomad: presentata all’ultima edizione del Fuorisalone all’interno della mostra Perspectives/Belgium is Design alla Triennale di Milano, è stata progettata da Alain Gilles per il nuovo marchio di illuminazioneO’SUN come esperimento di design industriale a sfondo sociale, pensando ai paesi in via di sviluppo e a chi non ha accesso all’energia elettrica. Solare e ricaricabile, è nata per soddisfare esigenze molto diverse e promuovere uno sviluppo sostenibile, fornendo un’alternativa alle lampade a cherosene.

Non ci resta quindi che complimentarci con Alain Gilles per il prestigioso riconoscimento ottenuto, consigliandovi di seguire con attenzione i suoi prossimi passi nel mondo del design.